Ultimo saluto al Volontario Renzo

RENZO

Un uomo che ha interpretato il mondo del volontariato meglio di chiunque altro. Volontario significa regalare il proprio tempo a beneficio del prossimo e Renzo ha dato tanto del suo tempo che sarebbe impossibile per chiunque calcolarlo. Non si diceva chi monta di turno ma chi monta di turno con Renzo. 50 anni di volontariato sono una vita a disposizione del prossimo sempre e senza esitazione e discriminazione alcuna. Ma con entusiasmo e spirito di corpo.

Onnipresente in associazione tutti i giorni sabati, domeniche. Croce Rossa era casa tua. Sul campanello della sede i giovani scherzosamente avevano scritto il tuo nome.

Hai soccorso un infinità di persone.

Hai fatto nascere bambini.

Hai accompagnato in tanti oltre la vita.

Avevi una parola di conforto per tutti.

Salivi e scendevi dall’ambulanza con quel sorrisetto sotto i baffi come fosse la cosa più naturale del mondo, come respirare. Ma noi che conosciamo bene quella vita sappiamo quanto sacrificio questa comporti.

Disponibile come nessuno giorno e notte. Tu non facevi il volontario tu eri il volontario anzi tu sei il volontario, per eccellenza, perché rimarrai impresso nella nostra memoria come esempio per le generazioni future che dovranno raccogliere oggi il tuo testimone come un lume che illumina il futuro dell’associazione per il proseguo di un’attività a sostegno di chi chiede aiuto.

Scevro da protagonismi ma nel vero spirito associazionistico in cui i nuovi arrivati imparano da chi è più esperto. Tanti sono i giovani e meno giovani che hanno fatto con te i primi passi, i primi servizi in Croce Rossa.

Renzo hai insegnato a più generazioni, senza risparmiarti. Lontano dai commenti superflui ma sempre pronto a partire alla prima chiamata.

Ricordo in ospedale, quando già piegato dal dolore della malattia, continuavi a dirmi che ti mancava la Croce Rossa: “Non sai quanto mi manca. Non sai quanto mi manca”

Sono troppi gli aneddoti che varrebbe la pena ricordare. Quanto ci hai insegnato solo con il tuo modo di essere volontario. Oggi è un giorno di grande vuoto che dovremo colmare con l’oceano dei ricordi di quanto hai dato al mondo.

Renzo questo non può essere un addio ma solo un ciao. Sarai sempre con noi e un giorno torneremo tutti insieme su quella delta 41.

Ciao Renzo.